È tempo di parole “ponte”, non di parole “barriera”

Lavoro con le parole da sempre e da 20 anni per dare voce a progetti di comunicazione, sensibilizzazione e raccolta fondi.
So quanta influenza possono esercitare nella creazione dell’immaginario collettivo, delle opinioni e nello stimolare azioni, reazioni, donazioni.

Se è vero che “un’immagine vale mille parole”, una sola parola può dividere e concorrere alla distruzione fisica e psicologica, oppure unire e contribuire alla costruzione e allo sviluppo. 

Due esempi facili facili?
Una parola barriera è “clandestino”: quante volte giornalisti, politici e opinionisti televisivi usano questo termine, spesso in modo strumentale ed errato, fomentando rabbie e generando esclusioni?
Una parola ponte è “grazie”, il vocabolo più importante per chi comunica per raccogliere fondi, e non solo.
Pensiamoci: è una delle prime parole che i genitori  ci insegnano quando siamo bambini, per farci esprimere in modo semplice e potente la nostra riconoscenza.

Da tempo ci sono iniziative che invitano a fare attenzione alle parole, dalla campagna “Mettiamo al bando la parola clandestino, e non solo” a “Parlare civile” di Redattore Sociale fino alla recente Parole_O_Stili, nata per invitare a un uso responsabile della comunicazione in rete, visto il crescendo di violenza, bufale, cyberbullismo.
A quest’ultima iniziativa ho contribuito con quello che è diventato l’articolo 5: “Le parole sono un ponte. Scelgo le parole per comprendere, farmi capire, avvicinarmi agli altri.”

 

Pasqua

Eleonora Terrile

Parole che si prendono cura di associazioni, aziende, eventi, progetti

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>