Master MICRI/IULM

Docenze di comunicazione sociale e raccolta fondi

Anche quest’anno ho terminato le mie lezioni al Master MICRI Iulm.
Con 30 studenti, 5 dei quali stranieri e 25 provenienti da tutta Italia, ho parlato di comunicazione, sensibilizzazione, rappresentazione e raccolta fondi evidenziando i problemi, le sfide e le opportunità che ONG e ONP devono affrontare.

Diversi i problemi discussi, fra i quali:
il rischio di cadere nella banalizzazione, nella pornografia del dolore, negli stereotipi, nel politicamente corretto che rasenta il ridicolo;
lo sfruttamento del peccato e del senso di colpa caratterizzanti la religione Cattolica ai fini di messaggi pietistici e colpevolizzanti;
la misurazione dell’efficacia delle campagne di raccolta fondi, basata solo sul denaro raccolto e non sull’impatto positivo/negativo su beneficiari, pubblico, immaginario collettivo;
l’atteggiamento colonialistico e paternalistico espresso da alcune campagne di grande popolarità e successo, oltre che da un certo modo di fare progettazione.

Fra le opportunità evidenziate le evoluzioni tecnologiche che hanno reso possibili progetti di grande valore come “Sweetie” di Terre des Hommes, un “classico” ormai, ma sempre rilevante.

Fra le sfide discusse e lanciate a quanti vorranno lavorare nelle ONG e ONP:
utilizzare in modo responsabile, rispettoso ed efficace parole, immagini, dati, leve emotive;
ripensare il modo di valutare l’efficacia delle campagne di raccolta fondi, aggiungendo quale variabile l’impatto su beneficiari, pubblico e immaginario collettivo;
invitare ONG e ONP ad applicare anche alle loro campagne di sensibilizzazione e di raccolta fondi i valori che sostengono di perseguire: neutralità, uguaglianza, rispetto dei diritti, etc…

Fra i video mostrati è stato molto apprezzato l’esperimento artistico di Amnesty Polonia, classificata seconda al Golden Radiator Award 2016 (iniziativa che lotta contro gli stereotipi nei DRTV) che ha parlato di rifugiati senza stereotipi, ma lasciandosi ispirare dalla memorabile performance di Marina Abramovic al MOMA “The artist is present”.
Amnesty Polonia

 

 

 

Eleonora Terrile

Parole che si prendono cura di associazioni, aziende, eventi, progetti

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>