Abbiamo ancora bisogno di lotta, vittoria, eroi?

bodybuilder-weight-training-stress-38630

Ci sono parole e parole.
Parole allegre, che accendono la luce.
Parole piuma che accarezzano il dolore e la sofferenza.
Parole piombo che giudicano, offendono, colpiscono.
Parole inappropriate alla persona e al contesto.
Parole manipolatrici, che celano intenzioni diverse da quelle espresse.
Parole fra le righe, non dette ma percepibili.
Parole etichette, che esprimono pregiudizi.
Parole tabù, difficili da immaginare.

Ci sono parole che segnano un’epoca: chi avrebbe mai usato “influencer”, “outfit”, “location”, “storyteller”, “contaminazione” negli anni ’70, ’80, ’90?

continua...

Dal Festival della Letteratura di Mantova alla tristezza per Elisa Pomarelli

Il 7 e 8 Settembre ero al Festival della Letteratura di Mantova, evento che da oltre 20 anni anima per 5 giorni la città con presentazioni di libri, letture, convegni, dibattiti, laboratori per bambini, seminari, incontri fra autori e lettori di tutto il mondo.

Sabato 7 Settembre ero fra gli spettatori e spettatrici di: Il linguaggio dei media, gli stereotipi e le discriminazioni di genere con Franco Grillini, Barbara Mapelli, Maria Teresa Celotti.
Mentre i relatori coinvolgevano centinaia di presenti con riflessioni come: Il giornalista ha un dovere di linguaggio e comportamento. (…) Il linguaggio non può essere disgiunto dai valori.”, sui quotidiani cartacei, online e in televisione usciva la notizia del ritrovamento del corpo di Elisa Pomarelli, uccisa da Massimo Sebastiani.

continua...