2017

Un capolavoro di levità: il nuovo spot per Coordown

Un capolavoro di levità: il nuovo spot per Coordown

Comunicare bene è difficile.
Comunicare bene per sensibilizzare e per raccogliere fondi è difficilissimo.
È un attimo scivolare negli stereotipi, nel pietismo, nella pornografia del dolore, nelle banalità, nel “politicamente corretto” che a volte rasenta la comicità.
Io per prima ho fatto tanti scivoloni in oltre 20 anni di campagne per associazioni non profit e fondazioni.

Detto questo ieri, mentre preparavo le mie lezioni di comunicazione per il Master MICRI IULM, ho visto uno spot eccellente realizzato da Luca Lorenzini e Luca Pannese di Publicis New York per conto dell’associazione Coordown.
Si intitola “Not special needs”, titolo che di per sé ironizza garbatamente sull’espressione “bisogni speciali per bambini/ragazzi/adulti speciali” come spesso vengono definite le persone con sindrome di Down.

La cifra stilistica di questo spot, che a quanto vedo sui vari social network sta riscuotendo successo, è la levità.
Con leggerezza si possono affrontare i temi più pesanti, difficili, ostici e arrivare al cuore e alla testa del nostro prossimo.
Non so se Luca Pannese e Luca Lorenzini abbiano conosciuto il “giornalista a rotelle” e Presidente della Ledha Franco Bomprezzi, certo è che hanno reso onore ad alcuni dei suoi insegnamenti dati anche nel corso “Comunicare il Sociale” di Terre di Mezzo Editore.

Siate lievi, quando affrontate tematiche complesse e malattie invalidanti.
No alle comunicazioni pietistiche e colpevolizzanti di tante campagne di raccolta fondi.
Siate semplici quando scrivete e comunicate, evitate i linguaggi settoriali.

Evitate espressioni come “incatenato/condannato alla sedia a rotelle”, poiché quest’ultima dà la libertà a chi non può camminare.
Invece di ricorrere al pietismo, mettete in primo piano i DIRITTI delle persone con disabilità, confrontandovi con la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità.
Rispettate i minori seguendo i dettami della Carta di Trento per i giornalisti (e della “Carta di Milano” lanciata da Terre des Hommes, aggiungo io)”.

Eleonora Terrile

By Eleonora Terrile

Parole scelte con cura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *